.
Annunci online

  ioJulia
 
Diario
 


Non voglio parlare di me, ma seguire il secolo, il rumore e l’evolversi del tempo
www.flickr.com

*Copyright: Alcune foto presenti su questo blog sono state scattate da me altre reperite in internet. Qualora qualcuno ritenesse violati i suoi diritti d'autore mi può contattare per chiederne la rimozione.


13 gennaio 2012

BIANCO

Van Gogh nelle sue lettere si chiedeva se doveva per forza dipingere un muro bianco in bianco. Gli impressionisti infatti non scorgono nessun bianco nella natura e spesso questo colore non viene considerato tale.
Il bianco è il simbolo dell'inizio e poi per estensione della purezza, dell'innocenza. Così nelle religioni antiche come nel cattolicesimo veniva usato nelle cerimonie più importanti come il battesimo, la prima comunione e il matrimonio; ma anche come distanza dalle passioni: la biancheria intima mantiene nel nome la necessità del candore e della pulizia, pulizia che richiama il bianco per tutto ciò che è igienico.
In natura trova la sua massima espressione nella neve e quindi nel freddo.
E poi rappresenta l'eleganza, la pace, la giovinezza e ciò che non si realizza, impossibile non pensare alle Notti bianche di Dostoevskij .
Troviamo invece i concetti opposti di fine e inizio in Oriente dove il lutto è bianco e rappresenta sia la morte che la reincarnazione.
Gli esseri umani hanno un'inclinazione innata per la luce perchè il buio è sinonimo di pericolo, di non conosciuto. E' da qui che nascono le ragioni del razzismo: gli europei settentrionali vedevano nel colore nero della pelle significati negativi di malignità sporcizia, minaccia. Ed è infatti nel 1604 che compare per la prima volta il termine inglese bianco inteso come razza bianca dopo gli avvenuti contatti dei marinai inglesi con i nativi dell'Africa.
Per Kandinsky il bianco è sinonimo di silenzio.  Il bianco agisce sulla nostra psiche come un grande silenzio, che per noi è assoluto. Interiormente risuona come un non suono, abbastanza simile a certe pause nella musica.. E' un silenzio che non è morto, ma pieno di possibilità.  Se penso al bianco penso alle nuvole, a quei mari di nuvole che si perdono all'orizzonte e che guardo volandoci sopra.

 




permalink | inviato da ioJulia il 13/1/2012 alle 15:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

sfoglia     dicembre        febbraio
 

 rubriche

cittadina del mondo
Varsavia
ioleggo
ioascolto
haiku
iopenso
cose curiose
tempo
io e Dio
ioviaggio
ioguardo
calendario
persone
colori
Copenhagen
Bucarest
Istanbul
Doha
Brussel
Bangkok

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ioJulialastfm musica

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom