.
Annunci online

  ioJulia
 
Diario
 


Non voglio parlare di me, ma seguire il secolo, il rumore e l’evolversi del tempo
www.flickr.com

*Copyright: Alcune foto presenti su questo blog sono state scattate da me altre reperite in internet. Qualora qualcuno ritenesse violati i suoi diritti d'autore mi può contattare per chiederne la rimozione.


26 dicembre 2011

PENSIERO DEL GIORNO

"Ci sono due tipi di sofferenti a questo mondo: quelli che soffrono per una carenza di vita e quelli che soffrono per una sovrabbondanza di vita. Io mi sono sempre ritrovato nella seconda categoria. Se ci pensi un attimo, quasi tutti i comportamenti dell'uomo e le sue attività in sostanza non sono diverse da quelle degli animali. Le più avanzate tecnologie e la nostra abilità artigiana ci portano al livello dei super-scimpanzé, non di più. In realtà la differenza fra, diciamo, Platone e Nietzsche e l'uomo medio, è maggiore di quella che esiste fra lo scimpanzé e l'uomo medio. Il regno del vero spirito, del vero artista, del santo del filosofo, sono in pochi a raggiungerlo. Perché così pochi? Perché la storia del mondo e l'evoluzione non sono esempi di progresso ma piuttosto un'infinita e futile addizione di zeri? Non si sono sviluppati i valori più importanti. Diamine i Greci 3000 anni fa non erano certo meno progrediti di noi. Allora quali sono le barriere che impediscono all'essere umano di arrivare per lo meno vicino al suo vero potenziale? La risposta a questa domanda la si può trovare in un'altra domanda. Qual è la caratteristica umana più universale? La paura. O la pigrizia".

da Waking Life




permalink | inviato da ioJulia il 26/12/2011 alle 9:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


8 dicembre 2011

DOHA

 
West Bay  -  Doha  -  (19 novembre 2011,  Julia)
 
Oltre la metà della popolazione del Qatar risiede a Doha, la capitale, quindi la sua storia dovrebbe essere ricca e suggestiva.. Niente di tutto ciò. La città non era che un minuscolo ed insignificante villaggio dedito alla pesca e alla raccolta di perle fino alla metà del XIX secolo; dopo la scoperta del petrolio nel 1949 la città ha cominciato ad espandersi a ritmi vertiginosi e non ha ancora smesso.
Nonostante l'osservanza ad una forma dell'islam dogmatica e conservatrice e la vicinanza a stati quali l'Arabia Saudita e l'Iran esiste una notevole apertura di vedute dovuta soprattutto all'interazione con migliaia di lavoratori immigrati che hanno contribuito alla costruzione del paese  e quindi a Doha si vedono noleggiatori di automobili pakistani, negozianti indiani, ragazze filippine nei locali e occidentali che prendono il sole in costume.
Però, gli uomini del Qatar si distinguono nella folla multietnica per il loro impeccabile thobe (lunga tunica bianca), il gutra (copricapo) e il lungo agal (cordone nero per fissare il gutra); le donne invece indossano tutte lo yashmak (abito lungo nero e velo con strette fessure per gli occhi).
Sono qui da quasi un mese, il sole splende, cartelli luminosi augurano la buona giornata..




permalink | inviato da ioJulia il 8/12/2011 alle 12:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


1 dicembre 2011

DICEMBRE

 

 

 

Il sole  -  Pellizza da Volpedo  -  1904




permalink | inviato da ioJulia il 1/12/2011 alle 18:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     novembre        gennaio
 

 rubriche

cittadina del mondo
Varsavia
ioleggo
ioascolto
haiku
iopenso
cose curiose
tempo
io e Dio
ioviaggio
ioguardo
calendario
persone
colori
Copenhagen
Bucarest
Istanbul
Doha
Brussel
Bangkok

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ioJulialastfm musica

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom