.
Annunci online

  ioJulia
 
Diario
 


Non voglio parlare di me, ma seguire il secolo, il rumore e l’evolversi del tempo
www.flickr.com

*Copyright: Alcune foto presenti su questo blog sono state scattate da me altre reperite in internet. Qualora qualcuno ritenesse violati i suoi diritti d'autore mi può contattare per chiederne la rimozione.


14 luglio 2012

CERCANDO LA STRADA

L’urgenza di alzarsi e andare – di viaggiare, di seguire il cenno dell’orizzonte, di lasciare se stessi e avvicinarsi così a silenzi e spazi interiori – questo bisogno deve essere antico quanto la nostra consapevolezza di essere uomini. Le soste saranno luoghi dell’immaginazione, ma anche tappe della sopravvivenza: una valle privilegiata, un pozzo d’acqua che oscura scintilla, un pascolo per gli animali, un mercato con grida e fruscii di stoffa, una città di uomini assennati e donne dissennate e piccole ciotole piene di dolcetti rossi, petti di piccione ripieni, la stagione è appena cominciata, un incrocio e scontro di stelle, la distanza dove nasce il vento.
I tuoi occhi decifrano istintivamente la terra come fosse un libro che narra di enigmi e pericoli. Niente ti appartiene e tuttavia sei padrone di miriadi di stelle, ora di quel vento, ora di questa direzione, di queste stesse ombre che serpeggiano sulla terra. Ogni viaggio sarà nell’ignoto ma anche così i percorsi sono segnati dal modo in cui pensieri e sogni diventano parole e le parole diventano piste e le piste si trasformano in sabbia. È così che leggi i paragrafi della tua vita...
Viaggi così profondamente da un linguaggio all’altro (ovvero, tra un fiume e l’altro) che non sei più uno straniero nel luogo che è la tua destinazione.
Un giorno tornerai dove sei partito con un altro sguardo negli occhi e l’eco di luoghi lontani nella tua immaginazione. Dentro porterai l’ombra di un mondo leggero e trasparente come le ali delle mosche, libero dall’intersezione di tempo e spazio. Sembri essere lo stesso, e tuttavia sarai lo straniero perché ormai macchiato dalla pelle invisibile di ore infinite passate sulla strada, da strane avventure e grida sconosciute, dall’aver ascoltato i discorsi notturni dei compagni nomadi tuoi simili con i quali hai condiviso l’acqua e l’alba e adesso li conosci più intimamente della tua stessa famiglia.... Presto, l’anno cambierà e gli uccelli migreranno in uno svolazzare di nuovi paragrafi. Il vento riprende a chiamare. C’è un odore nuovo che viene da appena oltre l’orizzonte. Sarà tempo di andare.
Ci sono limiti espressi nei ritmi, nella fine del verso, ma non confini.
Le frontiere sono sempre diverse da come appaiono sulle mappe dei comandanti e dei conquistatori, perché gli spazi che penetri e attraversi sono più profondi e molto più antichi. E non sono statici... La poesia è la tua guida. Ci saranno tribù di poesie a indicarti la strada. Alcune verranno a sussurrarti nel sonno, parlando piano come le brezze dell’oscurità; altre ti bruceranno gli occhi e ti strapperanno le viscere.. E ti pieghi in avanti per ascoltare più da vicino perché adesso sai che l’immaginazione è una migrazione sussurrata d’immagini.
E porterai con te le parole come granelli di sabbia nella tua scarpa (dopo esserti congedato con un inchino dalla dimora di una notte), per mischiarli a un deserto di passi – sempre nuovo, sempre lo stesso.
Ascolta: devi continuare a viaggiare perché la terra ha bisogno di essere scoperta e ricordata ancora e ancora, ciclicamente, creativamente, con le sue stagioni e i suoi suoni, col respiro caldo dell’ospitalità, col tocco guaritore dell’estraneità… per timore che diventi fredda e impenetrabile – uno sterile luogo di potere e politica. La terra ha bisogno che le si ricordi l’eternità di una vita.
Tu, come un vagabondo, sarai il tempo che ricorda se stesso anche se non ha né fine né inizio. E questo tempo di nudità si perderà per essere ritrovato ancora una volta nella poesia dello straniero che ti ha accolto ... L’origine dell’esistenza è il movimento.

Breyten Breytenbach


Una visione del viaggio, della poesia, della scoperta del mondo e degli altri nel mondo... Per conoscere.. per conoscersi..




permalink | inviato da ioJulia il 14/7/2012 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


1 luglio 2012

LUGLIO

 
Paul Gauguin  -  Day of God  -  1894

 




permalink | inviato da ioJulia il 1/7/2012 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno        agosto
 

 rubriche

cittadina del mondo
Varsavia
ioleggo
ioascolto
haiku
iopenso
cose curiose
tempo
io e Dio
ioviaggio
ioguardo
calendario
persone
colori
Copenhagen
Bucarest
Istanbul
Doha
Brussel
Bangkok

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ioJulialastfm musica

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom