Blog: http://ioJulia.ilcannocchiale.it

NOIA


I nostri giorni sono completamente impregnati di Economia.

Lei è radicata nella nostra idea di amore.

Dà da mangiare ai bambini.

Lei pulisce le tombe dei cimiteri.

Apre ogni mattina le serrande delle caffetterie.

L’economia punta la sveglia di notte.

Lei stessa, prendendoti per mano, ti insegna quali città vorrai visitare.

La puoi incontrare passeggiando per Zurigo, per Valparaìso, per Beirut.

Lei ha contribuito ad abbattere il muro di Berlino, a bombardare Gaza, a illuminare il Maracanà durante i Mondiali.

Lei vagabonda per Ciudad Juàrez in cerca di donne sole, e tutte le notti dorme abbracciata a Jeff Koons.

La troverai nascosta in una conversazione tra due bambini.

La troverai travestita da sushi, travestita da chiromante, travestita da preservativo.

E in tutte queste occasioni, Lei ti convincerà di tutto, perché è l’unica capace di ordinare il mondo.

Perché Lei è infinitamente erotica.

E alla fine, quando scende la notte, tutti torniamo a casa camminando al suo fianco, Lei ci abbraccia e cominciamo a baciarci.

E noi ci lasciamo baciare.

L’unica cosa che l’Economia non ha ancora potuto comprare, l’unica cosa che non ha ancora persuaso e sedotto, è la Noia.

La Noia, in un certo senso, è anti-economica.

Le feste, le città e le persone sono tutte obbligate a non essere noiose.

Perché la Noia puzza di fallimento.

E io credo che la Vita abbia in sé molta Noia, e che nella Noia ci sia qualcosa di profondamente vero.

La Noia non ha neon, né costumi, non ha una colonna 

sonora.

E penso che la Noia nasconda ancora in sé particelle del vero, e già estinto, naturale ritmo umano.

Camminare e nulla più.

Guardare e nulla più.

Essere e nulla più.

Il giorno in cui abbiamo deciso di separarci dalla Natura, è stato il giorno in cui si è confusa la Noia

con la perdita di tempo.

Perché da questa presunta perdita di tempo nasce l’unica cosa che ci differenzia dagli animali: la riflessione.

L’umanità è avanzata perché qualcuno, a suo tempo, si è fermato a riflettere.

E noi, a causa di una sovra-stimolazione costante, pensiamo che qualsiasi assenza di stimolo sia una perdita di tempo.

Per questo, per favore, esigo tempo per annoiarmi.

Non mi intrattenete, non voglio vedere nulla, non voglio andare da nessuna parte.

....


                                                                          Pablo Gisbert




Ma la noia puo' essere anche creatrice.

Prima c'erano l'otium dei latini, l'accidia medievale, la melancholia rinascimentale, lo spleen: la noia come la concepiamo oggi e' un concetto recente, introdotto dalla modernita' per una societa' tecnologizzata che privilegia il lavoro e bandisce l'attesa. Ma per restituire spazio all'attesa occorre sottrarsi alla dittatura che prevede di occupare tutto il tempo libero. Perche' e' questa la condizione, diceva Hegel, in cui si cerca l'ignoto; e, aggiungeva Leopardi, e' qui che si coltiva "infelicita' da cui scaturisce la poesia.....






Pubblicato il 21/11/2018 alle 14.38 nella rubrica iopenso.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web