Blog: http://ioJulia.ilcannocchiale.it

FEBBRAIO


Tiziano Vecellio - Paolo III con i nipoti cardinale Alessandro e Ottavio Farnese - 1546


Il rosso con cui rivestiva i personaggi dei suoi ritratti, una varietà calda, succosa e squillante, alla fine ha preso il suo nome: rosso Tiziano. Una tonalità che assumeva significati diversi in base ai soggetti del quadro. Il rosso della manica e della pantofola nella donna vestita, e quello del mantello della donna nuda, in Amor sacro e profano, rappresentano la passione. Il porpora profuso a piene mani in Paolo III e i nipoti Alessandro e Ottavio Farnese sottolinea il potere, in modo così convincente che i passanti si inchinavano davanti alla tela, come racconta il Vasari. Il biondo ramato delle belle veneziane raffigurate come dee pagane suggerisce la sensualità.
E Tiziano, con questi rossi, influenzò molti pittori del Rinascimento.

Pubblicato il 1/2/2019 alle 21.11 nella rubrica calendario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web